Archivio mensile:settembre 2012

23

Standard

IL NUMERO 23

Ricorre spesso nella mia vita

23 è il giorno del mio compleanno

23 è il mio numero preferito

23 è il giorno in cui io e mio marito ci siamo messi assieme

a 23 anni sono diventata infermiera

Nella Musica:

23 – album del 2009 diAlex Britti

23 – chiavi del sassofono

Nello sport:

23 – il numero della maglia di Michael Jordan

Nel linguaggio:

23 – nel codice dei telegrafisti significa a capo

23 – nel codice dei sordi vuol dire stupido

23 – nella smorfia napoletana è lo stupido

23 – nella tradizione romanesca è il “bucio di culo”

Nella Storia:

23– furono le coltellate date a Giulio Cesare

23 – i grandi maestri dei templari

Nella religione:

23– Nelle liste degli Abidharma (apidamo in cinese) buddhisti (o “insegnamenti speciali”) del III secolo, 23 sono i possibili eventi anomali o sui generis perchè non riconducibili (come gli altri) alla mente o alla materia

Nella numerologia:

Come spiegato dal paradosso del compleanno se in una stanza ci sono 23 o più persone, la probabilità che almeno due di esse siano nate lo stesso giorno è maggiore del 50%.

23– sono le lettere dell’alfabeto latino

la W è la 23 ma lettera dell’alfabeto internazionale,ha 2 punte in basso e 3 in alto, sulla tastiera del computer si trova tra i tasti 2 e 3

Nella biologia:

23 – sono i cromosomi delle cellule germinali umane

Proprietà matematiche:

23– nono numero primo

23-È uno dei due soli numeri che richiedono ben 9 cubi positivi per essere rappresentati; infatti è 23 = 2^3 + 2^3 + 7 \cdot 1^3; l’altro numero che gode di questa proprietà è 239. Nel caso si ammettano anche i cubi negativi allora ne bastano 5: 23 = 3^3 + 4(-1)^3.

23 – È il più piccolo numero di bacchette necessarie per irrigidire un cubo

23 – È un numero felice.

Eh si…numero felice…fino al 23 ottobre 2011…un 23  funesto…ed ogni 23 non posso che non pensare a quel 23 ottobre…ed ora che siamo a settembre…quasi 23 e domenica scorsa c’è stato il GP a Misano mi rendo conto che è già passato quasi un anno..

Ciao Marco…il 23 non sarà più lo stesso ora…perchè mi farà pensare sempre ad un altro numero

Il numero del sole, del sorriso, della gioia di vivere, dei capelli ricciolosi, del ragazzo che eri pieno di sogni e di vitalità

Annunci

IO CANTO

Standard

Amo la musica…

questa è la premessa

la musica ha accompagnato ogni avvenimento, ogni cambiamento o sconvolgimento della mia vita, ogni passione, ogni momento di solitudine o di divertimento, ogni momento allegro o triste.

Ogni singolo attimo della mia vita può  essere scandito da un motivetto, una canzoncina, cantata o fischiettata che sia.

Io sono musica, a volte stonata, a volte allegra ma non troppo, certe volte forte altre volte appena sospirata, qualche volta ripetitiva e incalzante altre volte ancora fastidiosa… io sono musica dal momento in cui mi alzo e ho in testa un ritornello che faccio fatica a scacciar via al momento di andare a letto dopo aver canticchiato la canzoncina della regola del 20 ai bambini.

 

 

Ho cominciato a suonare il pianoforte da piccola…la mia prima pianolina bontempi credo di averla avuta a 4 anni più o meno, poi è arrivata la scuola di piano…un anno, al termine del quale credevo di abbandonare questa mia passione in quanto il mio insegnante non era proprio un “buon insegnante” ma quello che al giorno d’oggi chiameremo pedofilo, e che allora non avevano o almeno credo un termine cosi chiaro per identificarli. Ero troppo piccola e ingenua e certe dinamiche capivo solo che non erano giuste, cosi senza dire nulla ai miei, mi vergognavo troppo (IO!!!! ???? certo che la mente umana è proprio strana…) chiesi di abbandonare le mie lezioni di piano facendomi vedere disinteressata a quello che invece sarebbe potuto essere lo strumento musicale che avrei più amato.

Da li poi…buio…niente più musica (eccezion fatta delle suonate con “piffero” scolastiche) fino al periodo adolescenziale quando poi con il gruppo di amici ti ritrovi in spiaggia o in un prato a cantare le canzoni del periodo con una chitarra in mano. Ho imparato a suonare la chitarra da autodidatta con l’aiuto di un amico, un ragazzo un pò fuori dalle righe con i capelli lunghi, la 2 cavalli bianca, la sigaretta fumante tra le corde della chitarra che tutti noi chiamavamo Skizzo (chissà poi perchè…solo ora me lo chiedo)…che belli quei momenti quando ci incontravamo nel prato davanti una sorgente e cantavamo canzoni di Battisti, De Gregori e Guccini…che periodo fantastico…

Poi arrivò Fiorello e il boom del Karaoke…devo dire che non mi ha preso molto, anzi direi per nulla. Molti miei amici andavano a quei “pianobar” dove si organizzavano serate karaoke ma io non avevo alcuna voglia di andare, non mi attirava l’idea di dover cantare in un microfono con tanta gente che mi guardava, sono un tipo riservato io…quindi me ne stavo tra le mie basi karaoke a casa mia a canticchiare ogni tanto qualcosa.  Finchè il mio amico/parrucchiere di fiducia mi convinse a partecipare a una di queste serate “canterecce”… maledetto a lui non mi sono più fermata, non solo ho acquistato la mia tastiera WK2, ma tutte le sere me ne stavo al mitico Nabila a cantare…poi la moda Fiorello passò e il locale dopo un pò chiuse, o meglio si trasformò in una pizzeria…mentre io ho continuato a cantare sempre e comunque frequentando anche corsi di canto.

La passione per la musica l’ho coltivata anche frequentando una radio locale che ora non c’è più o meglio non c’è più in etere ma ora con i nuovi mezzi tecnologici si può ritrovare in streaming all’indirizzo http://www.radiondaverde.it e sul gruppo facebook e anche li ho passato delle giornate indimenticabili, le nottate aspettando le dirette da Sanremo, i pomeriggi con gli speaker più cari, le mattine con “Signore il suo caffè”,  i giochi di società, le canzone inedite di Lancillotto scritte e depositate in attesa che qualcuno si accorga del capolavoro che sono e quelle cantate da Anonimo Italiano o dai Future a Sanremo, le canzoni cantante al compleanno della Stefy,…ma il momento più allegro anche se per gli eventi accaduti forse meno piacevole è stato quando la SIAE sigillò tutto l’archivio musicale e pur di andare in onda ci siamo inventato di tutto dalla rubrica utile a quella più ironica e divertente. A tutte queste persone che hanno reso la mia vita piena di musica devo dire grazie!!! Grazie per aver regalato musica alla mia esistenza

La musica è una delle vie per le quali l’anima torna in cielo

(Torquato Tasso)